Annemiek van Vleuten -Annemiek van Vleuten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Annemiek van Vleuten
Campionati Europei UEC Track Elite 2017 120.jpg
Informazione personale
Nome e cognome Annemiek van Vleuten
Soprannome
  • Vleuty
  • Peluchen
  • Miek
  • L'alieno
Nato ( 1982-10-08 )8 ottobre 1982 (39 anni)
Vleuten, Paesi Bassi
Altezza 1,68 m (5 piedi 6 pollici)
Il peso 59 kg (130 libbre)
Informazioni sulla squadra
Squadra attuale Squadra Movistar
Disciplina Strada
Ruolo Cavaliere
Tipo di pilota Tuttofare
Squadre amatoriali
2007 Cura della pelle alle Terme
2008 Vrienden van het Platteland
Squadre professionistiche
2009–2014 Rabo-Liv
2015 Bigla Pro Cycling Team
2016–2020 Mitchell-Scott
2021– Squadra Movistar
Vittorie importanti

Annemiek van Vleuten (nata l'8 ottobre 1982) è una ciclista su strada professionista olandese, che attualmente corre per l'UCI Women's WorldTeam Movistar Team .

Van Vleuten ha vinto la corsa su strada dei Campionati del mondo nel 2019 e la cronometro dei Campionati del mondo due volte nel 2017 e nel 2018 . Ai Giochi Olimpici, è caduta fuori dal comando della corsa su strada a Rio 2016, prima di vincere la medaglia d'oro alla cronometro e un argento nella corsa su strada cinque anni dopo a Tokyo 2020 . Ha vinto i campionati nazionali olandesi su strada nel 2012 e quattro volte i campionati nazionali olandesi a cronometro tra il 2014 e il 2019.

Van Vleuten ha vinto entrambi i Grandi Giri di ciclismo femminile: tre volte il Giro d'Italia Donne nel 2018, 2019 e 2022 e il Tour de France Femmes nel 2022 . È diventata la prima donna a completare un doppio Giro - Tour nello stesso anno.

Vincendo l' UCI Women's Road World Cup nel 2011 e l' UCI Women's World Tour nel 2018 e nel 2021, Van Vleuten ha vinto più gare a tappe ed eventi di un giorno. Ha vinto in più occasioni monumenti del ciclismo tra cui Liegi–Bastogne–Liegi Femmes, Strade Bianche Donne e Giro delle Fiandre per le donne . È stata premiata tre volte come ciclista femminile olandese dell'anno. Van Vleuten si ritirerà alla fine della stagione 2023.

Carriera

Da bambina, Annemiek giocava a calcio, ginnastica ed equitazione e andava a scuola in bicicletta. Van Vleuten ha studiato scienze animali e si è specializzata in zoonosi ed epidemiologia presso l' Università di Wageningen, laureandosi con un master in epidemiologia nel 2007. Nel 2005, le è stato consigliato dal suo medico di intraprendere il ciclismo a seguito di un infortunio al ginocchio giocando a calcio.

Inizio carriera

Iniziando la sua carriera ciclistica in squadre amatoriali nel 2007 all'età di 25 anni, Van Vleuten è entrata a far parte del team olandese DSB Bank-Nederland Bloeit nel 2009. Lasciando il suo lavoro d'ufficio nel 2010 per diventare una ciclista professionista a tempo pieno, la sua prima grande vittoria è stata al furgone Ronde del 2010 Drenthe . Ha poi vinto La Route de France nello stesso anno. Nel 2011 ha vinto la Coppa del mondo su strada femminile UCI, vincendo gare chiave come il Giro delle Fiandre per le donne, il GP de Plouay – Bretagne e l' Open de Suède Vårgårda .

Nel 2012, Van Vleuten ha rappresentato l'Olanda nella corsa su strada femminile alle Olimpiadi estive del 2012, insieme a Ellen van Dijk, Marianne Vos e Loes Gunnewijk . La gara è stata vinta da Vos. Ha anche vinto i Campionati Nazionali Olandesi su Strada . Dopo un 2013 senza successo, ha vinto per la prima volta il Campionato Nazionale Olandese a cronometro nel 2014. Nel 2015 è entrata a far parte del Bigla Pro Cycling Team . Ha preso parte ai Giochi Europei 2015 per l' Olanda, nel ciclismo, più precisamente nella cronometro femminile; Van Vleuten ha vinto una medaglia di bronzo.

Nel 2016, Van Vleuten è entrato a far parte del team Orica-AIS . Il 7 agosto 2016, mentre era in testa alla gara su strada ai Giochi Olimpici del 2016, Van Vleuten si è schiantato alla testa durante la ripida discesa da Vista Chinesa dopo aver perso il punto di frenata prima di una curva a gomito, 12 km (7,5 mi) prima del traguardo. L'incidente le ha fatto perdere i sensi ed è stata ricoverata in ospedale con tre fratture della colonna vertebrale lombare e una grave commozione cerebrale . Nonostante le sue ferite, Van Vleuten stava andando in bicicletta entro dieci giorni dal suo incidente e un mese dopo è tornata vincente alle competizioni, ottenendo la vittoria assoluta e due vittorie di tappa al Tour del Belgio 2016 . Ha anche vinto il suo secondo campionato nazionale olandese a cronometro .

Mondiali, vittorie al Giro Rosa

Van Vleuten ha difeso il suo titolo mondiale nella cronometro ai Campionati del mondo su strada UCI 2018

Nel 2017 è diventata campionessa del mondo per la prima volta, vincendo la cronometro a Bergen, in Norvegia. Ha anche vinto l' Holland Ladies Tour, La Course di Le Tour de France, e ha mantenuto il suo campionato nazionale a cronometro.

Il 2018 è stato l'anno di maggior successo della sua carriera per Van Vleuten: ha vinto il Giro Rosa 2018 (vincendo 3 tappe), ha difeso il suo titolo mondiale nella cronometro ai Campionati del mondo su strada UCI 2018 a Innsbruck, in Austria, e ha vinto l' UCI Women's World Tour dopo molteplici vittorie in eventi come La Course e Holland Ladies Tour. Ha concluso la stagione 2018 con un totale di 13 vittorie.

Nel 2019 Van Vleuten ha difeso il Giro Rosa, vincendo per oltre 3 minuti e conquistando tutte le principali classifiche (generale, punti e montagna). Ai Campionati del mondo su strada UCI 2019 ad Harrogate, ha vinto la gara su strada dopo aver corso da sola per 100 chilometri (62 miglia) della corsa di 149 chilometri (93 miglia), trattenendo i gruppi di inseguitori. Ha anche vinto per la quarta volta il campionato nazionale olandese a cronometro. Nonostante abbia vinto il Giro e gare importanti come Liège–Bastogne–Liège Femmes e Strade Bianche Donne, Van Vleuten è arrivata seconda nella classifica dell'UCI Women's World Tour 2019 dietro la collega olandese Marianne Vos .

Giochi Olimpici, Doppio Giro-Tour

Bici da corsa usata da Van Vleuten nel 2020

Nella sconvolta stagione 2020, ha vinto per la seconda volta i Campionati Europei su strada e le Strade Bianche Donne. Per la stagione 2021, Van Vleuten si è unito al Movistar Team . Ha iniziato la sua stagione vincendo il Tour of Flanders for Women, 10 anni dopo la sua prima vittoria.

Nel luglio 2021, è stata una delle quattro ciclisti olandesi che hanno gareggiato nella corsa olimpica su strada femminile di 137 chilometri (85 miglia) a Tokyo, dove ha vinto la medaglia d'argento nella gara, tagliando il traguardo a 75 secondi dall'austriaca Anna Kiesenhofer . Con circa 60 chilometri (37 miglia) rimasti in gara, Van Vleuten è caduto, ma è rientrato in gara. Il suo attacco a 2,1 chilometri (1,3 miglia) dalla fine le ha assicurato il secondo posto. Quando Van Vleuten ha terminato la gara, ha festeggiato pensando di aver vinto, poiché non sapeva che Kiesenhofer fosse di fronte a lei. Tre giorni dopo è diventata campionessa olimpica vincendo la medaglia d'oro nella cronometro .

Ha vinto per la seconda volta l' UCI Women's World Tour, dopo le vittorie al Challenge di La Vuelta e al Ladies Tour of Norway . Nell'ottobre 2021, alla fine della stagione, si è schiantata nella prima Parigi-Roubaix Femmes in assoluto, rompendosi l' osso pubico in due punti. Nel dicembre 2021, Van Vleuten è stato nominato per la terza volta ciclista olandese dell'anno ( Keetie van Oosten-Hage Trophy [ nl ] ), vincendo il premio nel 2017, 2019 e 2021.

Van Vleuten con la maglia gialla al Tour de France Femmes 2022

Nel 2022, Van Vleuten ha iniziato la sua stagione vincendo per la seconda volta due classiche: Omloop Het Nieuwsblad e Liège–Bastogne–Liège Femmes. Nel giugno 2022, Van Vleuten ha firmato un prolungamento del contratto di un anno con il Movistar Team, con l'intenzione di ritirarsi dal ciclismo al termine della stagione 2023. Ha vinto il suo terzo Giro d'Italia Donne il mese successivo, vincendo due tappe e la classifica a punti.

Più tardi, lo stesso mese, è stata nominata una delle favorite pre-gara per la prima edizione del Tour de France Femmes . Durante il Tour ha sofferto di problemi di stomaco all'inizio della gara, che le sono costate più di un minuto in classifica e l'hanno portata vicino al fondo della top 10 della classifica generale. Nella tappa 7 ha fatto esplodere la gara con un attacco in solitaria per la vittoria di tappa, che l'ha anche portata nella maglia gialla come leader della gara con oltre 3 minuti di vantaggio su Demi Vollering . Il giorno successivo ha suggellato la vittoria del Tour, sconfiggendo Vollering sulla salita finale e rivendicando la sua seconda vittoria di tappa della gara. Vollering è stato l'unico pilota a trattenerla entro cinque minuti e solo altri cinque piloti sono stati in grado di trattenerla entro 10 minuti. È diventata la prima donna a completare un doppio Giro - Tour nello stesso anno.

Vita privata

Al di fuori del ciclismo, Van Vleuten vive una vita tranquilla, godendosi le immersioni subacquee, guardando il calcio e giocando al gioco da tavolo dei Coloni di Catan con gli amici.

Risultati di carriera

Guarda anche

Riferimenti

link esterno