dinastia Xin -Xin dynasty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Xin
9–23
dinastia Xin
dinastia Xin
Capitale Chang'an
Governo Monarchia
imperatore
• 9–23
Wang Mang
Storia
• Wang Mang proclamato imperatore
10 gennaio 9
• Chang'an catturato
5 23 ottobre
Moneta Moneta cinese, oro, argento, guscio di tartaruga, conchiglia
(vedi moneta della dinastia Xin )
Preceduto da
seguito da
dinastia Han occidentale
dinastia Han orientale
Chengjia
Oggi parte di Cina
Corea del Nord
Vietnam

La dinastia Xin ( / ʃ ɪ n / ; cinese :新朝; pinyin : Xīncháo ; Wade–Giles : Hsin¹-chʻao² ) fu una dinastia imperiale cinese di breve durata che durò dal 9 al 23 d.C., fondata dalla dinastia Han consorte parente Wang Mang, che usurpò il trono dell'imperatore Ping di Han e del neonato "principe ereditario" Ruzi Ying per governare l'impero per un decennio prima di essere rovesciato dai ribelli. Dopo la morte di Wang, la dinastia Han fu restaurata da Liu Xiu, un lontano discendente dell'imperatore Jing di Han ; pertanto, la dinastia Xin è spesso considerata un periodo interregno della dinastia Han, dividendola in Han occidentali (o "ex Han") e Han orientali (o "Later Han").

Etimologia

Le dinastie cinesi prendevano tipicamente il nome dal feudo dei loro fondatori e questa lettura è coerente con la posizione pre-imperiale di Wang Mang come marchese di Xin. Nel 1950, CB Sargent suggerì che il nome della dinastia dovesse essere letto come "nuovo", cosa che JJL Duyvendak rifiutò di mano. Chauncey S. Goodrich ha sostenuto che sarebbe possibile assegnare una lettura semantica a xin, ma che dovrebbe essere letto come rinnovato o rinnovamento, non semplicemente nuovo .

Storia

Dopo la morte dell'imperatore Wu di Han, la famiglia regnante Liu fu sempre più assalita da lotte tra fazioni. Di conseguenza, il potere del clan imperiale declinò. Al contrario, la famiglia Wang divenne potente durante il governo dell'imperatore Cheng di Han, e il suo membro principale Wang Mang usò la sua influenza per agire come reggente per diversi giovani imperatori fantoccio. In contrasto con altri membri della famiglia Wang che si accontentavano di governare l'impero influenzando gli imperatori Han, Wang Mang aveva ambizioni maggiori. Ha intrapreso un programma di costruzione e apprendimento, creando pubblicità e propaganda molto positive per se stesso. Si presentò apertamente come campione delle virtù confuciane e come forza guida dell'impero. Dopo la morte dell'imperatore Ping di Han nel 6 d.C., Wang Mang consolidò il suo controllo sull'impero. Le ribellioni contro il suo governo de facto furono represse nel 6 e 7 d.C. Due anni dopo, Wang usurpò il trono e proclamò ufficialmente gli Xin (letteralmente la "Nuova dinastia"). Sebbene non godesse di un grande sostegno tra la classe politica dell'impero, l'ascensione di Wang fu generalmente tollerata perché la dinastia Han aveva perso gran parte del proprio prestigio. Indipendentemente da ciò, gran parte della vecchia burocrazia e nobiltà era ancora fedele alla dinastia Han, ma questi lealisti non si opposero apertamente all'istituzione del regime di Xin.

Al contrario, i rapporti con la confederazione nomade Xiongnu si deteriorarono rapidamente, e quest'ultima intendeva intervenire in Cina intorno al 10/11 d.C. Wang ha risposto mobilitando 300.000 soldati lungo il confine settentrionale e ha impedito agli Xiongnu di invadere la Cina. Le continue controversie con la confederazione settentrionale portarono Wang a istituire un governo rivale di Xiongnu nel 19 d.C., pur mantenendo il grande esercito al confine. Ciò prosciugò le risorse della dinastia Xin, indebolendo la sua presa sul resto dell'impero.

Il nuovo imperatore ha avviato diverse riforme sociali e politiche radicali. Questi miravano a rafforzare il governo centrale, ripristinare l'economia in crisi, indebolire le potenti famiglie nobili e migliorare il sostentamento dei contadini dell'impero. Le riforme godettero di alcuni successi iniziali e fornirono un impulso di legittimità tanto necessario alla dinastia Xin. Allo stesso tempo, le riforme indebolirono l'ex clan imperiale, poiché la maggior parte delle risorse ridistribuite era appartenuta alla famiglia Liu. Inoltre, Wang patrocinava l'educazione basata sul confucianesimo, prendendo il duca di Zhou come suo modello per un buon sovrano. Le sue politiche spesso non venivano attuate dalla vecchia burocrazia che si risentiva delle sue riforme radicali. Al contrario, le riforme trovarono un certo successo tra i contadini dell'impero.

Ribellioni durante il regno di Wang Mang

Subito dopo la sua inaugurazione, il regime di Wang è stato destabilizzato da diversi disastri naturali, incluso il cambio di rotta del fiume Giallo, che ha provocato massicce inondazioni. Le piaghe delle locuste peggiorarono ulteriormente la situazione e scoppiarono diffuse carestie. Le politiche economiche della dinastia Xin non riuscirono a risolvere la crisi che ne seguì e Wang Mang perse rapidamente il sostegno che aveva avuto tra i contadini mentre questi ultimi lottavano per la sopravvivenza. I contadini disperati nelle parti orientali dell'impero si dedicarono presto al banditismo. I gruppi di banditi crebbero in forza e negli anni '20 contavano decine di migliaia di membri. Le fazioni più potenti lungo il Fiume Giallo si riorganizzarono in eserciti ribelli, conosciuti come le Sopracciglia Rosse . Gli insorti si allearono con nobili scontenti e discendenti dell'ex clan imperiale, provocando una guerra civile su larga scala entro il 19 d.C. Wang Mang fu costretto a spostare truppe da altre aree per affrontare le Sopracciglia Rosse, dopodiché il Protettorato delle Regioni Occidentali fu invaso dagli Xiongnu. Piccole ribellioni scoppiarono in altre parti della Cina. Le "truppe del Basso Yangtze " operarono lungo questo fiume, mentre due bande di ribelli nell'Hubei furono reclutate dai lealisti Han. Guidati da Liu Bosheng, divennero noti come i Lulin .

Mentre la guerra civile travolgeva l'intero Impero Xin, gli eserciti lealisti di Wang combatterono duramente per tenere a bada i ribelli. Gli eserciti Xin ottennero diverse vittorie, ma furono completamente sconfitti dagli eserciti restauratori Han nella battaglia di Kunyang nel giugno-23 luglio d.C. Dopo aver appreso di questo evento, le milizie irregolari di Zhuang Ben e Zhuang Chun hanno catturato Chang'an il 23 ottobre, saccheggiando la capitale e uccidendo Wang Mang. I vari eserciti ribelli si sono successivamente combattuti per ottenere il pieno controllo dell'impero. Nel 25 d.C., Liu Xiu fu incoronato imperatore Guangwu di Han a Luoyang . I Sopracciglia Rosse furono sconfitti dalle forze di Liu Xiu nel 27 d.C., e distrusse anche altri pretendenti rivali e regimi separatisti tra cui lo stato Zhao di Wang Lang, l'impero Chengjia di Gongsun Shu e il signore della guerra Wei Ao nel nord-ovest. Nel 37 d.C., la dinastia Han fu completamente restaurata.

Governo

Moneta a forma di coltello della dinastia Xin

Wang Mang attuò diverse riforme, trasformando sistematicamente il governo della dinastia Han sulla base della sua comprensione dei classici confuciani e di quelle che si rivelarono essere le sue convinzioni errate sul sistema di governo dell'antico Zhou occidentale . Il sinologo Li Feng ha descritto queste riforme come " socialisti e imperialisti combinati". Per indebolire i nobili, rafforzare il governo centrale, riformare l'economia e migliorare la situazione dei contadini, Wang Mang ridistribuì la terra dai ricchi a coloro che non possedevano nulla, introdusse nuove tasse sulla proprietà degli schiavi, proibì la vendita di schiavi e limiti implementati sulla quantità di terreni agricoli che una famiglia poteva possedere. Ha anche nazionalizzato i terreni agricoli e ripristinato il vecchio monopolio del governo sulle industrie del sale e del ferro. Per rafforzare ulteriormente l'economia in difficoltà dell'impero e ripristinare la stabilità fiscale del governo, la dinastia Xin ha anche implementato un nuovo sistema per stabilizzare i prezzi di mercato, ha sostituito la valuta d'oro con una valuta di bronzo e ha costretto i nobili marchesi e di rango inferiore a scambiare tutto il loro oro con monete di rame. Queste politiche hanno permesso al governo quasi in bancarotta di riguadagnare i fondi tanto necessari e in realtà hanno migliorato l'economia, ma hanno causato un grande risentimento tra la nobiltà. Wang Mang ridusse anche lo status dei sovrani vassalli stranieri nel tentativo di rafforzare il controllo dell'impero Xin sulle sue regioni di confine.

Nel tentativo di tornare a un passato idealizzato, il regime di Xin ha anche implementato modifiche architettoniche nella capitale Chang'an. I "Nove Templi" furono costruiti dove l'imperatore adorava i Tre Sovrani ei Cinque Imperatori, rompendo con la tradizione della dinastia Han di adorare i propri antenati. Nella "Sala Luminosa", Wang Mang osservava il cambio delle stagioni secondo le tradizioni confuciane. Ha anche aperto incarichi presso le accademie imperiali, finora dominate dal confucianesimo del nuovo testo, per gli studiosi che hanno sostenuto i testi antichi confuciani . Il sinologo Hans van Ess ha ipotizzato che questo fosse il tentativo di Wang Mang di raggiungere un migliore equilibrio tra le scuole di pensiero in competizione, sebbene l'imperatore stesso probabilmente preferisse i Nuovi Testi confuciani.

Gli storici vissuti durante la dinastia Han ridicolizzarono il movimento di Wang Mang di tornare all'ordine della dinastia Zhou in quanto né pratico né riuscito, ma i tentativi di riforma della dinastia Xin servirono da ispirazione per gli imperatori successivi. Secondo Li Feng, Wang Mang sarebbe stato "il più grande riformatore della storia cinese" se il suo regime fosse sopravvissuto.

imperatore

Storia della Cina
ANTICO
IMPERIALE
MODERNO
Nome personale Ritratto Periodo di regno Nomi e date delle epoche
Wang Mang 9–23 d.C

Shijianguo (始建國; Shǐ Jìan Guó ; 'Inizia a fondare una nazione') 9–13 d.C.
Tianfeng (天鳳; Tīan Fèng ; ' Feng celeste ') 14–19 d.C.
Dihuang (地皇; Dì Huáng ; ' Imperatore terrestre ' ) 20–23 d.C

Riferimenti

Lavori citati

Ulteriori letture